Con la disciplina comunitaria vengono oggi denominate IGP (Indicazioni Geografiche Protette), ma cosa si intende? È un’indicazione che fa riferimento ad una regione, o ad un luogo determinato e in casi eccezionali ad un paese, il cui prodotto che abbia i requisiti di qualità, notorietà e altre caratteristiche attribuibili a quell’origine geografica (…) le cui uve dalle quali è prodotto provengano per almeno l’85% da tale zona.

Badate bene che in nessuna norma viene esplicitato che una DOP sia migliore di una IGP; infatti proprio il legislatore comunitario sta cercando di ideare una disciplina finalizzata a ridurre la situazione di disparità che si è creata tra DOP e IGP nel pensiero del comune consumatore!

Curiosità? L’Italia manifesta circa 298 prodotti riconosciuti DOP – IGP – STG. Il settore viticolo invece si esibisce con circa ben 523 etichette di vini DOCG – DOC – IGT!

Rispondi