A livello nazionale il legislatore del Testo Unico del Vino, legge n° 238/2016, ha previsto una normativa dedicata ai “concorsi enologici”. È prevista la possibilità di partecipare a concorsi enologici organizzati da enti, definiti organismi ufficialmente autorizzati al rilascio di distinzioni dal Ministero, solo per i vini DOP e IGP ed i vini spumanti di qualità. Ma veniamo alla definizione legislativa di concorso enologico: inteso quale partecipazione di partite di vini DOP/IGP o spumanti di qualità ad una selezione disciplinata, al fine di ottenere una “distinzione”.

Ottenere una “distinzione” comporta chiaramente ad un incentivo per il produttore, ed esibire un riconoscimento ufficiale, al giorno d’oggi rappresenta un elemento di attrazione anche per l’eventuale turista o per il consumatore medio che si trova a fare una scelta davanti ad un vino premiato piuttosto che un non premiato!

Rispondi