I vini della DOC “VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI” devono essere ottenuti dalle uve🍇 del vitigno verdicchio, presente in ambito aziendale, per un minimo dell’85% mentre per un massimo del 15% possono essere utilizzati, congiuntamente o disgiuntamente, altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione nella Regione Marche.


Curiosità? Le uve idonee alla produzione della tipologia “Passito” devono essere sottoposte ad un periodo di appassimento che può protrarsi fino al 30 marzo dell’anno successivo a quello della vendemmia, e la vinificazione non deve essere anteriore al 15 ottobre dell’anno di produzione delle uve🍇
N.B. È bene sottolineare che la DOC “VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI” e la menzione “VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI RISERVA” sono due denominazioni distinte; quest’ultima infatti è una DOCG.

Rispondi